L’agguato

Curiosità e casualità portano un uomo su di età, intraprendente e pieno di vita, propenso a non accettare il suo lento declino, al rinvenimento di un manoscritto, un antico manoscritto dove qualcuno, in tempi lontani, in una lingua a lui famigliare, racconta e si racconta trasmettendo ai posteri alcuni passi della sua lunga esistenza. Un’esistenza fatta di rapporti con la gente, la dove necessario, aiuto. Portare, con passione, conforto là dove serviva. Il destino, che con la sua lunga mano lo aveva sostenuto per l’intera vita trascorsa in un borgo a ridossi di quello che lui definiva, il grande fiume, alla fine dei suoi anni, lo porta in un luogo dove incontra persone, un tempo conosciute, che come lui hanno bisogno di parlare, discutere, confrontarsi in misurate confessioni… cose che fanno pensare, cose da nascondere, altre da dimenticare.

Uno spaccato di vita ed uno spunto di riflessione per superare amarezza e delusione.